Prima Edizione del Premio Hausmann & Co. /Patek Philippe

Nel 2013, anno di istituzione del Premio, Hausmann & Co. e Patek Philippe, hanno deciso di
sostenere le attività didattiche della Fondazione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e dei
giovani artisti che frequentano i corsi di perfezionamento di studi musicali.

Il 14 giugno 2013, al culmine dell’anno accademico, durante la consegna da parte dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia dei diplomi di fine corso, una giuria – composta da Francesco Hausmann
e Benedetto Mauro, proprietari della Hausmann & Co., Laura Gervasoni Direttore Generale Patek
Philippe Italia, il giornalista musicologo Giovanni D’Alò, oltre che da altri musicisti professionisti –
ha consegnato il “Premio Hausmann & Co. – Patek Philippe”, alle tre migliori composizioni tra le
sei presentate dagli allievi del Corso di Composizione.

Scopo essenziale di questo corso, al quale si accede esclusivamente mediante apposito esame, è
quello di offrire ai giovani compositori, già in possesso del diploma, la possibilità di acquisire
un’esperienza di alta qualificazione professionale: esso riveste pertanto, una fondamentale
importanza nel panorama dei vari corsi che, ad ogni livello, si svolgono in Italia; non solo perché è
l’unico a carattere superiore ad essere riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e
della Ricerca, ma anche perché la sua normativa lo colloca ad un preminente livello di formazione
artistica e professionale. Il prestigio dell’Accademia e quello dei docenti cui è stato ed è affidato
questo corso, fa sì che rappresenti un punto di riferimento importante e prestigioso per la cultura
del nostro Paese; numerosi infatti sono i compositori, provenienti anche da Paesi europei ed
extraeuropei che annualmente chiedono di parteciparvi.

Prima dell’inizio delle esecuzioni dei brani, affidate all’Ensemble Novecento diretto da Carlo Rizzari,
alla presenza di numerosi invitati – tra cui il Presidente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Bruno Cagli, la giuria assegnataria dei diplomi e la giuria Hausmann & Co./Patek Philippe – il
maestro docente Ivan Fedele ha ringraziato gli imprenditori che, in questo momento di particolare
difficoltà che attraversa il nostro paese, hanno deciso di sostenere le attività didattiche e di
investire sul futuro di questi giovani talenti.

I 6 giovani artisti Mehdi Kahsyami, Vittorio Montalti, Marco Murru, Umberto Pedraglio, Maria Teresa
Trecozzi e Roberto Vetrano, con soli 15 minuti ciascuno a disposizione hanno coinvolto il pubblico
con brani eclettici e innovativi. La giuria Hausmann & Co./Patek Philippe, riunitasi per oltre 30
minuti all’interno del MU.SA. dell’Auditorium Parco della Musica, all’unanimità ha scelto i tre
candidati da premiare con un assegno di studio: Mehdi Kahsyami, Vittorio Montalti e Umberto
Pedraglio.

La giornata si è conclusa con un cockatil dinner “Eccellenze in Mostra” Hausmann & Co. – Patek
Philippe organizzato nello Spazio Risonanze dell’Auditorium Parco della Musica. Durante la serata
si sono esibiti un trio d’archi offerto dai giovani dell’Accademia e la cantante americana Andrea
Pennington.

Tags: Premio Hausmann & Co.