Jaeger-LeCoultre, la “Grande Maison” dell’orologeria. Letteralmente, la “grande casa”

Jaeger-LeCoultre è nota fra gli addetti ai lavori come “La Grande Maison”, ovvero, la casa grande.

Antoine LeCoultre avviò infatti, nel 1833, l’attività della storica manifattura all’interno della propria abitazione nella Vallée des Joux, una delle più grandi del postoIl figlio Jaques David LeCoultre, con acume manageriale, raggruppò  nell’ampio ultimo piano, alla luce di grandi finestroni, molti orologiai indipendenti della zona, sperimentando così un rudimentale concetto di produzione industriale nell’orologeria.

Continua

hausmann

La casa di Antoine LeCoultre, in una foto d'epoca. Da qui l'appellativo "La Grande Maison" per Jaeger-LeCoultre

hausmann

Antoine LeCoultre, fondatore della Maison.

hausmann

Orologiai al lavoro nella fabbrica Jaeger-LeCoultre a fine '800

hausmann

Già negli anni '30 era notevole l'impiego di macchinari tecnologicamente avanzati. Il lavoro era organizzato secondo il concetto di catena di montaggio

hausmann

L'attuale struttura della Maison. Il tetto spiovente ben permette di identificare l'antica casa di Antoine LeCoultre, ancora oggi fulcro della fabbrica e sede dell'Atelier delle Grandi Complicazioni

 

La Vallée des Joux, una delle fredde valli del Jura svizzero, ha accolto generazioni di orologiai che, prima dell’avvento dell’illuminazione elettrica, ricercavano la scarsa luce diurna offerta dagli inverni svizzeri lavorando nei piani alti delle abitazioni, soprastanti fienili e stalle. Sì, solamente durante gli inverni.. poichè in primavera ed estate, con il disgelo, ci si dedicava alla terra ed al bestiame, producendo peraltro ottimi prodotti caseari.

Tags: Chanel Jaeger-LeCoultre Lo sapevi che... Patek Philippe Vacheron Constantin