Tour degli Orologi / Corso Rinascimento

Questo orologio è un’altra delle superstiti testimonianze di un’epoca in cui l’orologio pubblico conferiva prestigio all’edificio sul quale faceva mostra di sé e, nel caso in cui il suo collocamento fosse stata opera di una ditta o di una società industriale o commerciale, veniva a costituire un indubbio elemento di richiamo o, come diremmo oggi, di pubblicità, tenendo presente che allora non erano ancora molte le persone dotate di un orologio personale. Quello di cui parliamo è è sistemato da quasi settant’anni sul palazzo di S. Luigi dei Francesi, all’angolo di Corso Rinascimento e via del Salvatore, che ricorda la chiesetta di S. Salvatore in Thermis, demolita per ingrandire Palazzo Madama. Ma l’orologio non ha avuto in sorte di essere chiamato come la farmacia che esso sovrasta, cioè la Società Farmaceutica fondata dal dottori Nello Cecchini che incaricò dell’opera la ditta Hausmann. Scomparso il titolare della farmacia, l’orologio è ormai fermo da tempo, ma lo si indica popolarmente come “l’orologio di via del Rinascimento”.