Assistenza

Il nostro laboratorio di assistenza è da sempre uno dei punti di forza della casa Hausmann & Co. Abili professionisti che coniugano nella loro attività la maestria degli artigiani e la profonda conoscenza dei tecnici, forniscono ai nostri Clienti un servizio accurato e di alta qualità, sempre all’altezza delle prestigiose Case madri che distribuiamo. Si affidano all’assistenza Hausmann numerose istituzioni che continuano, da anni, a dare fiducia alla competenza e all’abilità dei nostri tecnici, sempre aggiornati sullo stato dell’arte dell’alta orologeria.

Fasi di riparazione di un orologio

  • 1. La presa in carico

    CONTINUA A LEGGERE

    1. La presa in carico

    Una volta che un orologio giunge al laboratorio per una revisione, un orologiaio lo prende in carico e se ne occupa per tutto l’iter della revisione, esattamente come avviene in Svizzera negli atelier dove si realizzano i modelli complicati. Dapprima si valuta un preventivo di spesa a seconda dei lavori da eseguire e, una volta approvato, l’orologio passa alla fase successiva, in tutto con una tempistica breve per le lavorazioni semplici e di routine, più lunga (anche trenta o novanta giorni) per quelle complesse o con pezzi speciali che devono essere richieste alla Casa madre. Innanzitutto viene smontato tutto “l’abbigliamento” del nostro Rolex (cassa, bracciale, fondello, lunetta) per essere inviato alla lucidatura, che segue a un primo lavaggio e a eventuali sostituzioni di pezzi usurati. In una normale revisione sono sostituite di routine tutte le guarnizioni di tenuta (fondello, corona, vetro), molto importanti soprattutto in un modello sportivo. Poi si passa al quadrante: con due pinzette apposite vengono smontate le lancette proteggendo il fondo con una pellicola trasparente per non rovinarlo; si estraggono poi le viti laterali e il disco del datario. Si tratta di un’operazione delicata, in quanto il quadrante è facilmente soggetto a scalfitture o rigature. Ogni parte viene poi riposta in un apposito contenitore, con separatori.

  • 2. Lo smontaggio e la diagnosi del movimento

    CONTINUA A LEGGERE

    2. Lo smontaggio e la diagnosi del movimento

    Durante lo smontaggio del calibro, particolare attenzione è riposta nell’estrazione del gruppo dell’automatico, in quanto la molla di carica deve essere prima completamente scaricata. Il movimento e il gruppo dell’automatico sono posizionati in un cestello di metallo diviso in scomparti, per essere inseriti nella macchina che esegue il pre-lavaggio. Un braccio meccanico immerge il cestello di volta in volta in quattro vasche di vetro, che contengono una soluzione detergente il primo e tre diverse benzine più raffinate per il risciacquo gli altri tre. La macchina esegue poi l’asciugatura completa delle parti. Il tutto impiega circa quindici minuti. Dopo il prelavaggio si passa allo smontaggio totale del movimento, durante il quale l’orologiaio effettua il controllo di tutti i componenti, per verificarne il consumo, specie di quelle parti che possono essere soggette a una mancanza di lubrificante (come i cuscinetti), o a particolare usura (come gli assi delle ruote). Proseguendo lo smontaggio, si passa alla molla di carica, che viene estratta dal bariletto, bilanciere, ponte dell’ancora, e così via. Il tecnico verifica lo stato di ogni componente, soprattutto dei perni delle ruote, che nel nostro Rolex sono a posto e prepara il movimento per il secondo lavaggio. In particolare, viene controllata la spirale, che deve essere piana e concentrica, e la boccola del rotore (entro cui ruota l’asse della massa oscillante), che deve essere in asse con il ponte dell’automatico. Poiché nel nostro caso quest’ultima va rimessa in sede, si procede all’operazione utilizzando anche qui appositi utensili forniti dalla Casa e il nostro fidato martelletto. Il tecnico deve controllare anche il ponte delle 24 ore, prima ancora del treno del tempo. Nel nostro caso, a causa dell’usura, è stato necessario cambiare la ruota dei minuti. Una volta eseguite tutte le sostituzioni e riparazioni necessarie, si procede al secondo lavaggio del movimento (questa volta completamente smontato), che avviene su un’altra macchina simile alla precedente, ma dotata di un diverso programma di lavaggio. Le parti, infatti, vengono alloggiate in un cestino metallico, diviso in comparti e accoppiate a seconda del materiale (ottone con ottone, acciaio con acciaio…) per evitare che si rovinino in caso vengano a sbattere l’una contro l’altra. I pezzi più piccoli, come ad esempio le viti, sono posti in cestini a maglia più fine.

  • 3. Il rimontaggio del movimento

    CONTINUA A LEGGERE

    3. Il rimontaggio del movimento

    Dopo il secondo lavaggio, l’orologiaio può procedere all’assemblaggio del gruppo dell’automatico, durante il quale vengono ripristinati i corretti giochi di funzionamento tra i pezzi, procedendo prima con la lubrificazione di ogni parte: dal pignone centrale alle pietre, alla ruota di scappamento, la lubrificazione è indispensabile per ridurre al minimo gli attriti che causano l’usura dei componenti in movimento. Per prima cosa si monta il tubo della corona. Si inizia dal lato quadrante, partendo dalle ruote del ruotismo delle 24 ore, assicurandosi che i perni entrino perfettamente. Il tecnico gira poi il movimento per montare il bariletto e la ruota a corona. In questa fase l’ultima parte a essere montata è l’ancora, le cui leve sono lubrificate con uno speciale grasso, utilizzato solo per questa parte. L’orologiaio lascia cadere una goccia di lubrificante sulla leva di uscita facendo poi correre la ruota di scappamento e ripetendo l’operazione tre volte per un giro completo della ruota. Questo è sufficiente a ripartire il lubrificante su tutti i denti della ruota. In questa operazione bisogna fare molta attenzione che il lubrificante non scivoli via per evitare che vada poi a finire nel perno dell’ancora, che deve girare a secco, o sopra l’ancora stessa. Infine si procede con il reinserimento del bilanciere, lubrificato su pietra e contropietra con l’apposito utensile che anche in questo caso lascia cadere sempre la stessa quantità di lubrificante, in modo che tutto rimanga perfettamente pulito senza dispersioni. Uno speciale trattamento (raccomandato da Rolex) viene effettuato sugli invertitori, che vengono lubrificati con un prodotto specifico nel quale si lasciano immersi per un paio di minuti per poi essere asciugati con dell’aria calda. Poi viene reinserita la massa oscillante lubrificata insieme al suo perno. Una volta assemblato, il movimento viene sottoposto alla regolazione finale, che dura 24 ore. Completamente carico, l’orologio è posto sul cronocomparatore nelle sei posizioni (corona in alto, corona in basso, corona a sinistra, corona a destra, quadrante in alto, quadrante in basso) per rilevarne lo scarto giornaliero medio. La stessa operazione viene eseguita dopo 24 ore di funzionamento. La regolazione è effettuata per uno scarto giornaliero compreso tra 0 e +5 secondi al giorno.

  • 4. Il riassemblaggio dell’orologio

    CONTINUA A LEGGERE

    4. Il riassemblaggio dell’orologio

    Stabilito che tutti i parametri sono in regola e che il bilanciere è bene equilibrato, si procede al rimontaggio completo dell’orologio, con la messa in cassa del movimento. Una cosa importante che il tecnico deve fare, nell’assemblaggio del quadrante, è di effettuare la rimessa dell’ora finché non scatta il calendario a mezzanotte, controllando che lo scatto avvenga in modo fluido e preciso. Per il montaggio delle lancette si parte da quella con foro di diametro più grande a quella dal foro più piccolo (nell’ordine: ore, GMT, minuti e secondi).Quindi, si passa alla cassa, precedentemente lucidata da un esperto lucidatore che interviene su tutti gli orologi inviati in assistenza all’Orologeria Hausmann (il reparto lucidatura è ospitato in una stanza separata del laboratorio).Per lubrificare i giunti della cassa viene utilizzato un speciale grasso al silicone. Un’operazione molto delicata è l’inserimento del vetro zaffiro, eseguito con un apposito utensile simile a una pressa.
    Per mezzo di tasselli a misura, predisposti per centrare il vetro sulla carrure e metterlo in piano sulla cassa, manualmente (attraverso una leva) l’orologiaio esercita la pressione necessaria a fissare il vetro, entro il suo giunto. Ora si può passare all’alloggiamento del movimento nella cassa, togliendo qualsiasi traccia di polvere dal vetro con un aspiratore.
    Di regola, la corona di carica, quando un orologio è sottoposto a revisione completa, viene sempre sostituita.

  • 5. I test finali di verifica

    CONTINUA A LEGGERE

    5. I test finali di verifica

    Al termine dell’assemblaggio si passa al banco di prova dell’impermeabilità a secco, misurando la variazione di pressione esercitata all’interno di una camera stagna.
    Molto importante è anche il test di funzionalità, durante il quale l’orologio automatico viene posizionato per cinque giorni su un simulatore. Così il tecnico verifica l’efficienza del dispositivo di carica, mantenendo in movimento l’orologio per il tempo che, nella pratica, dovrebbe essere al polso del proprietario. Una volta stabilito il corretto funzionamento, si passa all’assemblaggio del bracciale, precedentemente lucidato, come la cassa, su una mola con diversi tipi di spazzole e di abrasivi a seconda del tipo di graffi, più profondi o meno.
    Ora il nostro Rolex è finalmente pronto, perfettamente funzionante e con ogni parte a posto, accompagnato da una garanzia della durata di un anno fornita da Hausmann & Co. All’interno del fondello il tecnico incide un numero sequenziale (visibile solo con una lente), che viene annotato sugli appositi registri, per identificare l’orologio nel caso dovesse successivamente tornare in assistenza.

  • 6. Qualità e competenza

    CONTINUA A LEGGERE

    6. Qualità e competenza

    Degli otto orologiai che lavorano nel laboratorio di assistenza Hausmann &amo; Co, un tecnico si occupa esclusivamente della lucidatura e del lavaggio di casse e bracciali e uno del reparto pendole. Tutti sono specializzati e abilitati presso le Case madri, dove periodicamente si aggiornano con corsi specifici. I marchi, infatti, per la riparazione di alcuni orologi complicati esigono l’abilitazione della manifattura. Questo a dimostrare quanto oggi sia importante un buon servizio di assistenza nella valutazione globale di un marchio. L’assistenza Hausmann & Co è considerata di massimo livello, con abilitazioni fornite da A. Lange&Söhne, Pater Philippe e Rolex, dopo impegnativi corsi di formazione e aggiornamenti.

Hausmann esegue assistenza per le seguenti marche