SIHH 2015 trends #2: orologi scheletrati

26 gennaio 2015 | , ,

Al salone dell’Alta Orologeria di Ginevra abbiamo visto delle versioni inedite di lavorazioni scheletrate. Gli orologi squelette, solitamente dal gusto molto classico, sono stati presentati in due interpretazioni con chiave decisamente moderna.

Cartier, per l’alta orologeria, ha presentato un Crash, orologio dalla inconfondibile forma ammaccata, con un movimento di manifattura concepito per adattarsi alle spigolose forme della cassa: il calibro 9618 MC diventa il quadrante dell’orologio. Sono infatti i numeri romani del quadrante traforato che sostengono il movimento squelette, facendo la funzione dei ponti.

Anche Parmigiani Fleurier presenta un calibro squelette sulla cassa della collezione Tonda 1950. Un calibro scheletrato non comune, per via della presenza del dispositivo di carica automatica, dotato di un micro-rotore decorato con il simbolo delle anse tipico della Maison che ben si inserisce nelle morbide geometrie del quadrante. Nella versione femminile, la forza degli angoli nelle finiture della scheletratura è addolcita dal vetro del quadrante opaco semi-trasparente, che nasconde con un velo il movimento rendendolo un elegante decoro sul quadrante.