Come rimettere a segno il datario evitando le insidie meccaniche… e intellettuali!

5 novembre 2014 |

Un normale orologio con datario non è in grado di distinguere le diverse durate dei mesi, e quindi è occorre effettuare delle operazioni di correzione nei mesi con meno di 31 giorni. Ovviamente, tali operazioni di rimessa del datario sono altrettando indispensabili quando si volglia indossare un orologio rimasto fermo perchè non utilizzato per un certo periodo.

Ma … fate attenzione! La rimessa della data nasconde due insidie, una di tipo meccanico e l’altra di tipo intellettuale.

Il primo rischio, di tipo meccanico, è che il meccanismo del datario si possa danneggiare: bisogna assolutamente evitare di effettuare la correzione rapida del datario (tramite corona o pulsanti di correzione, per intenderci) tra le 21:00 e le 03:00, quando il normale dispositivo di scatto-data è già ingaggiato. In questo caso il sistema di correzione rapida potrebbe provocare danni (riparabili, ma costosi) agli ingranaggi coinvolti nell’operazione.

Il secondo rischio, di tipo intellettuale, sembra banale ma è ugualmente insidioso… risiede nell’evitare che il cambio della data sia impostato a mezzogiorno… anziché alla mezzanotte! Tale eventualità (che candiderebbe il proprietario dell’orologio ad un inevitabile “tapiro”!) può essere evitata accertandosi che l’ora impostata sull’orologio corrisponda alla corretta posizione giorno-notte.

Di seguito la procedura per un corretto cambio data sul proprio orologio:

  • Estrarre la corona in posizione di messa a segno delle ore ed avanzare le lancette fino ad ottenere uno scatto del datario (mezzanotte).   Portare le lancette oltre le ore 3 (fuori dalla zona pericolosa). In questo modo avete la certezza che l’ora indicata dal vostro orologio sia riferita alla mattina, e non al pomeriggio;
  • Rientrare completamente la corona (posizione di carica);
  • Estrarre la corona in posizione di correzione datario ed avanzare fino ad ottenere la data corretta;
  •  Rientrare completamente la corona (posizione di carica);
  •  Estrarre la corona in posizione di messa a segno ed avanzare le lancette fino all’ora esatta. Qualora l’ora esatta fosse pomeridiana, la lancetta delle ore dovrà passare nuovamente sul 12 ma, questa volta, senza causare uno scatto della data!

Per gli orologi con la correzione a pulsante il punto terzo consisterà semplicemente nell’azionare il pulsante.

Seguendo questa semplice sequenza operativa sarete in grado di regolare esattamente qualunque orologio, evitando guasti meccanici ed inopportuni scatti diurni del datario.

Se siete in questa pagina è perchè amate il vostro orologio. Volete verificare se sia impermeabile? Avete il dubbio che non abbia una marcia regolare?

Questo e altre informazioni utili, curiosità e novità dal mondo degli orologi e dei gioielli nel nostro Diario!

Dettaglio Movimento Lange 11 Calendario Perpetuo
Movimento del Lange 1 Perpetual Calendar. Dettaglio del meccanismo della “grande data”