Come estrarre la corona dell’orologio senza provocare danni

22 ottobre 2013 |

L’estrazione della corona è il suo spostamento dalla posizione di carica alla posizione in cui aziona le lancette. Tale operazione, tutt’altro che indolore per i ruotismi coinvolti, andrebbe effettuata con delicatezza, senza forzature.

L’ideale consiste nell’inserire l’unghia del dito medio tra la cassa e la corona, appoggiare il polpastrello del pollice, in  contrapposizione, sulla cassa, e controllare, in tal modo, la forza esercitata dal medio. Se la corona non fuoriesce al primo tentativo, invece di forzarne l’apertura provate a ruotarla di un mezzo giro: così facendo potrete trovare l’allineamento ottimale dei denti degli ingranaggi ed estrarla con facilità.

Ricordatevi di estrarre la corona senza indossare l’orologio al polso, per evitare di forzare la corona con sollecitazioni perpendicolari al suo asse!

Un ultimo suggerimento, per gli orologi la cui corona ha più di una posizione di regolazione. Per passare dalla posizione “1” (di solito per la regolazione della data), alla posizione “2” (spesso associata alla regolazione dell’ora), si consiglia sempre di richiudere la corona tornando alla posizione di carica (allo “0”), per poi arrivare alla “2”; in questo modo è più facile trovare la posizione desiderata, evitando di disallineare le altre indicazioni dell’orologio e riducendo il numero di volte in cui si interviene manualmente sull’ingranaggio.

Se vuoi saperne di più, scopri come ricaricare gli orologi a carica manuale e automatici, e come rimettere a segno il datario evitando insidie meccaniche e… intellettuali!

05