Prevenire è meglio che curare

30 luglio 2013 |

Eccomi in versione “padre di famiglia” a dispensare , ripetere e rimarcare i buoni consigli… stagionali. Siamo in estate, anche se quest’anno non sembra proprio una di quelle tipiche. In ogni caso, condizioni meteo escluse, si va al mare, in montagna, ai laghi, si fanno quelle attività che alle volte – direi spesso – possono creare problemi agli orologi se questi non sono “preparati” a dovere prima della stagione. Sicuramente tali problemi non riguardano i sedentari, i frequentatori dei tavolini dei bar, i “lettino dipendenti”, ma piuttosto gli irriducibili delle attività estreme: nuotatori, canoisti, velisti, scalatori. E, soprattutto, tutti coloro che amano praticare queste attività con l’immancabile orologio al polso. Mi preme sempre ritornare sui soliti argomenti perché …

Per continuare la lettura entra nella rubrica curata da Mario Didone, Store Manager della boutique di via del Corso, sulla rivista L’Orologio

Dettaglio movimento n. 42500

Un dettaglio del movimento dell’orologio da tasca Lange n. 42.500, risalente ad inizio secolo scorso, rinvenuto dopo anni di mancato utilizzo. Gli orologiai l’hanno trovato arrugginito, incompleto e parzialmente danneggiato, anche a causa dell’umidità. Per saperne di più, consulta il Diario nella sezione Curiosità!